7 Ragioni per spiegare lo storico Sciopero Nazionale in Colombia

7 Ragioni per spiegare lo storico Sciopero Nazionale in Colombia

Lo scorso 21 novembre, in Colombia, è iniziata la più importante protesta civica contro un governo degli ultimi anni: molti sono stati i gruppi sociali che hanno partecipato allo sciopero e le persone che sono uscite di casa a protestare (tra 6 e 7 milioni di persone).

La politica economica degli ultimi governi, i ripetuti affronti dell’attuale governo nei confronti del processo di pace, delle organizzazioni indigene, studentesche e sindacali sono le principali motivazioni dei cittadini. Ecco le 7 ragioni più importanti che hanno motivato lo sciopero.

  1. Sicurezza sociale. Una riforma che vuole modificare il sistema di amministrazione delle pensioni pubbliche, mediante un regime di risparmio individuale. Proposta che contraddice i principi di solidarietà, universalità ed efficienza del diritto alla sicurezza sociale promossi nella Costituzione politica del 1991.
  2. Processo di pace. I manifestanti accusano il governo di non rispettare nessuno degli accordi stabiliti con i guerriglieri delle FARC, che riguardano il benessere della società colombiana. Principalmente quegli accordi riguardano i piani economici e sociali previsti per le aree storicamente più colpite dal conflitto.
  3. Privatizzazioni. Il governo continua ad effettuare un piano per aprire la strada alla privatizzazione di 19 entità finanziarie statali, oltre alla cessione del 20% delle azioni della compagnia petrolifera statale (Ecopetrol) e la quota statale di ISA (compagnia energetica) e Cenit (trasporti di idrocarburi).
  4. Diritti umani. La mancanza di protezione da parte del governo contro le crescenti minacce dei settori paramilitari e gli omicidi sistematici dei leader sociali, ad esempio ció che successo lo scorso 6 novembre, l’omicidio di 18 minorenni in un bombardamento dell’esercito nazionale e che ha costretto alle dimissioni il ministro della Difesa.
  5. Il governo non ha osservato gli accordi sottoscritti in precedenza con le organizzazioni sociali. Organizzazioni indigene, sindacali e studentesche hanno raggiunto accordi con il governo nei giorni precedenti alla protesta. Due esempi: le organizzazioni agricole chiedono la revisione degli accordi di libero scambio (ALS) e le organizzazioni delle donne richiedono decisioni precise per superare la discriminazione lavorativa e la marginalizzazione sociale.
  6. Riforma del lavoro. Una riforma del lavoro presentata dal partito di governo cerca di deteriorare le condizioni di lavoro, come il contributo orario e gli annunci dei settori di attività legati al governo, così come il pagamento del 75% di un salario minimo ai giovani che si aggiunge alla già preoccupante disoccupazione nazionale.
  7. Fracking e ambiente. Il governo ha adottato misure avanzate per rendere fattibile il metodo di fratturazione idraulica per l’estrazione di petrolio, nonostante i rischi ambientali molto elevati di questa misura (infrangendo la promessa della sua campagna elettorale per la Casa di Nariño). È stato anche permissivo con l’estrazione dei Páramos (caso di Santurban, Santander). Ciò costituisce un altro motivo per la mobilitazione di settori e organizzazioni ambientaliste in tutto il paese.

La risposta del presidente e del partito al potere durante i giorni precedenti alla manifestazione è stata quella di stigmatizzare la protesta, squalificare le leadership sociali che l’hanno convocata e militarizzare le città principali. Le sue dichiarazioni dopo il primo giorno della protesta hanno ignorato completamente il contenuto delle richieste dei manifestanti.

Appendice: Come ad esempio il fatto che molti cittadini hanno partecipato allo sciopero non per chiedere cambiamenti da parte del governo, ma per chiedere direttamente le dimissioni del presidente Duque. In molti hanno organizzato gruppi di musicisti per chiedere le dimissioni facendo una cover della famosa canzone «bella ciao» (resa popolare dalla famosa serie tv La Casa di Carta), e dicendo: «esta mañana he despertado, oh Duque chao, Duque Chao, Duque chao chao, esta mañana he despertado y hemos sacado al impostor…» ovvero: «sta mattina mi sono alzato, o Duque Ciao… sta mattina mi sono alzato ed abbiamo cacciato fuori l’impostore».

Leave a Reply

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *